Alemanno provoca la Lega «La Consob tutta a Roma»

Traslocare la Consob a Milano? Per il sindaco della capitale non se ne parla proprio, anzi: «Sposteremo l’ufficio di Milano nella capitale perché non ha senso che stia lì, visto che la Borsa a Piazza Affari non c’è più ma sta a Londra - ha detto Gianni Alemanno - Semmai per risparmiare risorse avrebbe più senso unficare Consob e Antitrust qui a Roma, dove ci sono i ministeri e le funzioni pubbliche ed è giusto che ci siano queste autorità indipendenti». Poche ore dopo, la replica del sindaco di Milano: «L’ufficio della Consob rimarrà a Milano - afferma Letizia Moratti - perchè Milano è la sede della Borsa, è la città dei contratti internazionali, è la capitale della finanza. Roma è la capitale della politica. Spostare l’ufficio della Consob sarebbe come chiedere a Roma di trasferire il ministero dell’Industria a Milano».
Così, mentre si registra l’ennesima fumata nera in Consiglio dei ministri sulla nomina del nuovo presidente, la Consob diventa oggetto del contendere in una sfida di campanile. Non a caso, Alemanno ha tirato in ballo l’argomento nel corso di una trasmissione radiofonica - «Te la do io Tokyo» in onda su Centro suono sport - di tono più che popolare, una sorta di «tribuna del tifoso» romanista, dove ha parlato senza troppi eufemismi dei non facili rapporti tra il Carroccio e la capitale, dalle polemiche nordiste su Roma ladrona alla «tregua della pajata». «Per adesso regge - ha ribadito il sindaco - ma se la rompono e ricominciano a trattare con gli insulti temi politici ci scontreremo con tutta la durezza del caso». In questo contesto si inserisce la dichiarazione, volutamente provocatoria, a difesa della «romanità» delle Authority, contro la proposta di trasloco che porta proprio la firma della Lega. Che è già stata bocciata - in una sede ben più istituzionale, un’audizione alla Camera - dallo stesso presidente vicario dell’Autorità, Vittorio Conti, basandosi su argomenti tecnici, a cominciare dai costi: non meno di cento milioni per il trasloco nella capitale finanziaria. Ma a preoccupare forse maggiormente il presidente vicario - che, per inciso, è di Bergamo - è il rischio di dimissioni dei dipendenti, portatori di competenze difficili da sostituire in tempi brevi. Gli stessi problemi, ovviamente, si porrebbero nel caso di un trasferimento in senso inverso: ipotesi che, comunque, appare quanto mai improbabile, tanto più che la Consob ha da poco preso in affitto una nuova sede milanese, a fianco di quella di rappresentanza, in vista del potenziamento di cui ha parlato lo stesso Conti nel corso dell’audizione parlamentare.