ALESSANDRA CANALE ALL’INAUGURAZIONE

«Senza Veli»: questo il titolo della mostra collettiva sul tema del nudo, che si svolge a Savona a Villa Cambiaso, dal 17 al 23 febbraio, con orario dalle 17 alle 19, organizzata dal Cenacolo degli Artisti, alla cui inaugurazione alle 15 di domani partecipa la star televisiva Alessandra Canale. «Questa collettiva di pittura e ceramica dal contenuto molto erotico, che si riconduce in larga parte alla mitologia classica greco-romana - afferma Fausto Benvenuto, responsabile culturale del Circolo, a cui aderiscono esponenti del mondo della cultura, ideologicamente vicini al concetto di democrazia liberale, - spazia dal nudo fotografico, con forme di figurativo estremo, che rende, cioè, le opere, identiche alla fotografia, fino al metafisico di Congiu e all'astrattismo».
Partecipano trenta artisti provenienti da ogni parte d'Italia, tra cui Michele Cammarota, Attilio Lauricella, Aida Vivaldi, testimoniando, così, la capacità d'attrazione che questo tema, vicino alla sensibilità artistica, ma anche al sentimento, alla psicologia e all'ancestralità dell'uomo, susciti interesse in ogni periodo della storia. Una delle originalità della mostra è la presenza del nudo maschile esibito, in cui si cimentano Antonella Parisiotto e l'attrice e pittrice torinese Sabrina Soccol, solitamente oscurato a vantaggio dell'esibizione reiterata di quello femminile. «La rassegna vuole documentare il significato profondo del nudo, oggetto di speculazione, di scandalo, di fisica e di metafisica, di esecrazione teologica e di esaltazione estetica - afferma il prof Aldo.Pero, docente di materie letterarie, - disgelando le forme della bellezza dalla sua versione religiosa di dea Madre, come forse le veneri neolitiche, alla pura bellezza espressa dalla pittura italiana da Botticelli a Raffaello, al godimento sensuale ispirato dall'opulenza barocca, alle algide venustà neoclassiche, sino al realismo ottocentesco e alla sua attualità post-moderna».