«Con Alessia una lezione agli uomini»

A far coppia con Alessia Marcuzzi, nelle gag di Così fan tutte, sarà Debora Villa. Il suo nome vi dice poco? Forse vi dirà di più quello di Patti, la segretaria maldestra e sfigata che interpretava in Camera Cafè. Da una sit-com di successo all'altra, insomma. Ma lei non teme il paragone con le gag di Luca e Paolo, anche perché è certa di una cosa: «Se quei due finissero tra le grinfie mie e di Alessia in Così fan tutte, perderebbero la partita: sarebbero quelli che vogliono portarci a letto senza riuscirci o insegnarci cose senza saperle». In un programma pensato al femminile non può che essere così. Debora Villa e la Marcuzzi, insieme, si sono calate nei panni di oltre 100 donne in situazioni imbarazzanti: «Ridiamo di noi stesse, ma ci prendiamo anche delle rivincite sugli uomini. Ne hanno da imparare... peccato che non se ne accorgeranno perché saranno ipnotizzati dalle tette di Alessia», dice ridendo la Villa. Per lei, che viene dall'esperienza di Patti a Camera Café, manco a dirlo il ruolo più facile è stato quello della sfigata: «Nella vita vera, sono di quelle che devono puntare sulla simpatia più che sulla bellezza».
Con il format francese cui la sit-com si ispira, però, ci sono delle differenze. La prima è che, in Italia, l’abbiamo “mascolinizzato” un bel po': là due autrici donne, qui quattro uomini su cinque. «Ma da noi un programma simile, pensato per due donne protagoniste, è già un passo avanti. C'è tanto ostracismo verso le donne, così anche le autrici sono poche», dice la Villa. Che spiega anche le altre differenze: «Vous les femmes va sul satellite, quindi è più libero, ad esempio i nudi non sono censurati. I francesi amano il finale in sospeso, mentre noi quello “esplosivo”. Poi ci sono tutti gli sketch che abbiamo aggiunto perché inventati sul momento. Come quelli della Buona notte: la “vittima” è stato Andrea Santonastaso (una delle guest star, ndr), anche se vittima si fa per dire, perché nel lettone con lui c'era Alessia...».
Nella realtà, invece, se la comica dovesse farci ridere con uno scherzo alla Marcuzzi non avrebbe dubbi: «Uno scherzo telefonico. È così ingenua, ci cascherebbe subito. Ma anche dalla mia vita potrei prendere spunto per delle gag, soprattutto dalle figuracce fatte ai provini».