Algeria La polizia doma la rivolta ma sono già pronti nuovi cortei

Anche l’Algeria trema. Dopo gli scontri e gli arresti di sabato, ieri la polizia ha caricato con violenza i manifestanti in piazza Primo Maggio ad Algeri per tentare di disperdere la folla. I trasporti, bus e treni, bloccati dal governo hanno ridotto l’affluenza delle persone. Quello di ieri a Algeri avrebbe dovuto essere un corteo. Si è trasformato in un sit-in nella piazza. Raggruppati intorno alla fontana hanno manifestato circa 2000 persone. Molte migliaia, si parla di 15mila, sono rimaste nei quartieri intorno. Ma sulla piazza la gente ha continuato a urlare slogan contro il potere: «Bouteflika fuori!». Eppure, nonostante le violenze, l’opposizione organizzerà una nuova manifestazione nella capitale il 19 febbraio prossimo.