Gli alieni malvagi ci invadono con film a basso costo

<p>
Esce &quot;Skyline&quot; dei fratelli Strause. In arrivo &quot;SUper 8&quot; prodotto da Spielberg e &quot;Alien 3D&quot;
</p>

Ci risiamo. Sono ormai passati quasi 35 anni ma tutto lascia pensare che Incontri ravvicinati del terzo tipo di Steven Spielberg rimanga un caso - di fantascienza con gli extraterrestri amici - più unico che raro (a parte E. T. l'extra-terrestre diretto sempre dallo stesso geniale regista). Ora gli alieni tornano a invadere i cinema con intenzioni tutt’altro che pacifiche.

Si tratta sempre della solita storia di morte e distruzione ma evidentemente, come le notizie di nera e senza stare troppo a scomodare filosofiche teorie post-11 settembre, il pubblico è questo che vuole vedere. Così negli Stati Uniti è da poco uscito Skyline diretto dai fratelli Greg e Colin Strause (non a caso registi di Aliens vs Predator 2) che se lo sono anche autoprodotto con «soli» 10 milioni di dollari (di cui il 95 per cento andato in effetti digitali) già ampiamente recuperati dopo una settimana nelle sale. Un film di fantascienza a basso budget quindi e con attori poco conosciuti, un po’ come impone la moda o la necessità del momento (vedi il successo lo scorso anno di District 9), che racconta le vicende di due coppie in vacanza a Los Angeles proprio quando la terra è attraversata da misteriosi fasci di luce azzurra. Si tratta di un attacco alieno che ha come obiettivo un rapimento di massa. Un gruppo di sopravvissuti dovrà lottare per la propria vita mentre il mondo cade in rovina. Ce la faranno i nostri eroi? La risposta il 14 gennaio nelle nostre sale.

Altro filone inesauribile all’interno dello stesso genere è quello complottistico con il governo statunitense impegnato a nascondere la verità sugli alieni giunti da tempo sul nostro pianeta. A farla da padrone è sempre la famosa Area 51. La vastissima zona militare nel Sud del Nevada farà da sfondo a Super 8, prodotto da Steven Spielberg, che J.J. Abrams (la mente di Lost e Cloverfield) sta girando in questi giorni in vista dell’uscita la prossima estate forse in contemporanea anche da noi. La trama è avvolta nel mistero ma si sa dell’ambientazione verso la fine del 1979 quando una parte dell'Area 51 è stata chiusa e trasferita nell'Ohio. Nel trasloco il treno deraglia liberando qualcosa di terribile. Forse la stessa cosa che un gruppo di teenager (tra gli interpreti Elle Fanning, la giovane protagonista di Somewhere di Sofia Coppola) scopre di aver casualmente filmato con la cinepresa Super 8.

Sullo stesso tema Oren Peli ha finito di girare Area 51 su un gruppo di tre ragazzini che si ritrovano in Nevada per vedere gli Ufo e finiscono nella famigerata base militare americana. Anche qui il budget è basso (5 milioni di dollari) ma siccome Peli è il regista israeliano di Paranormal Activity (il film girato in casa con una videocamera che ha fatto il giro del mondo terrorizzando le platee), sono attese emozioni forti.

Neanche a farlo apposta, sempre sull’Area 51, ecco che in primavera arriverà un altro film, Paul, diretto da Greg Mottola con Jason Bateman e Sigourney Weaver, che racconta in stile da commedia di due amici un po’ nerd e fanatici della fantascienza (Simon Pegg e Nick Frost) in viaggio in camper verso quella zona dove incontrano un curioso e simpatico alieno.
Aggettivi che certamente non si addicono agli extraterrestri di Ridley Scott che ha recentemente annunciato di star lavorando alla sua creatura più riuscita, Alien. Sarà infatti pronto l’anno prossimo Alien 3D una sorta di prequel, probabilmente in due capitoli, ambientato 30 anni prima degli eventi del capostipite che - dice il regista - «sarà davvero duro e spaventoso con la scoperta che gli Alieni sono stati disegnati come arma biologica per ripulire i pianeti».

Insomma il genere «alieno» sembra essere sempre più in auge e sempre più versatile. Due esempi? Il 17 dicembre esce anche da noi il film d’animazione campione d’incassi negli States, Megamind 3D, con un alieno cattivo ma tutto da ridere. Mentre in estate arriverà il fumettistico Cowboys & Aliens di Jon Favreau (anche qui lo zampino di Spielberg alla produzione), una sorta di western fantascientifico con i cowboy Daniel Craig e Harrison Ford intenti nel vecchio west a combattere un’invasione aliena. L’avreste mai detto?