Alitalia, due coordinatori a fianco di Libonati

Prossimo consiglio il 9 marzo per il budget. Risultati di bilancio il 29

da Milano

Il cda di Alitalia ha deciso di affiancare due figure operative al neopresidente Berardino Libonati e ha rinviato ogni revisione del piano industriale, mentre l’esame dei conti proseguirà nella riunione fissata per il 9 marzo. La riunione - la prima «operativa» del nuovo consiglio - si è prolungata per l’intero pomeriggio. In serata è stata comunicata la nomina di «due coordinatori nella gestione dell’attività di impresa, nelle persone di Giancarlo Schisano e Gabriele Spazzadeschi, con la previsione di snellire e rendere più efficiente il sistema organizzativo della società rispettivamente nelle aree delle operations e financial-administration». Schisano è attualmente responsabile delle operazioni di volo, mentre Spazzadeschi è responsabile di amministrazione, finanza e controllo. Il consiglio «ha delineato con i designati i rispettivi ambiti di coordinamento che, tuttavia, verranno definiti in maggior dettaglio nella prossima riunione». È stata fatta, nuovamente, una scelta «leggera»: prima nessuna delega all’interno del consiglio, ora nessun direttore generale. È la conferma del periodo di transizione, particolarmente «neutro», che sta vivendo la compagnia.
Ma il tema più spinoso è quello che riguarda i conti. Il consiglio ha «iniziato la disamina e la verifica dei dati contabili e ha fissato la prossima riunione al 9 marzo per proseguirne l’esame e assumere le necessarie, conseguenti determinazioni». In quella data non saranno diffusi, come precisa l’azienda, i risultati del bilancio 2006 e delle perdite dell’esercizio, per i quali è già fissata la riunione per il 29 marzo; si tratterà invece della verifica delle previsioni di budget.
Infine considerata la procedura di vendita in corso da parte del ministero dell’Economia e delle Finanze, il consiglio «non ha ritenuto, per il momento, di effettuare la revisione del piano industriale, rinviando ogni ulteriore valutazione a una data successiva all’acquisizione di tutti gli elementi necessari, finalizzati anche alla formazione del bilancio dell’esercizio 2006».
La data determinante, dunque, è il 29 marzo: dall’entità delle perdite e dal loro travalicare, o meno, il rapporto col capitale fissato dal codice civile, dipenderà il prosieguo della procedura di vendita, o una «scorciatoia» che passa attraverso l’abbattimento del capitale e l’ingresso di un privato attraverso la sua ricostituzione.