Alitalia, i piloti abbandonano il tavolo Insolvenza, procura apre un'inchiesta

Forte
perplessità dei sindacati dopo l'illustrazione di Sabelli del
modello contrattuale che annulla il contratto precedente:  "Non è una rottura ma chiediamo un tavolo separato".  I bilanci e i libri contabili degli
ultimi 10 anni di Alitalia saranno acquisiti dalla procura di Roma che ha aperto un fascicolo dopo la
dichiarazione di insolvenza. <a href="/a.pic1?ID=289027" target="_blank"><strong>Scontro su ferie e permessi sindacali
</strong></a>

Roma - Confronto in salita nelle trattative per Alitalia: arriva il no di piloti e hostess. La Compagnia aerea italiana ha consegnato ai sindacati le proposte di contratto per le categorie professionali dei dipendenti Alitalia (piloti, assistenti di volo e personale di terra) ma le associazioni professionali dei piloti, Anpac e Up, hanno lasciato il tavolo della trattativa, chiedendo un tavolo di confronto specifico per la categoria: "Ci siamo alzati dal tavolo senza rompere la trattativa perché i problemi dei piloti non possono essere affrontati assieme a quelli delle altre categorie, vista la specificità del nostro lavoro". È quanto ha affermato il segretario generale dell’Up, Roberto Spinazzola.

Il muro dei piloti al piano C’è forte perplessità da parte dei sindacati di fronte alla prima illustrazione dell’amministratore di Cai, Rocco Sabelli, sul modello contrattuale per la nuova Alitalia che, di fatto, azzera il contratto precedente. I sindacati, dalle prime reazioni al tavolo, non sembrano per niente convinti delle proposte. Intanto davanti alla sede del ministero del Welfare, dove si sta tenendo la riunione, si sono raccolti circa un centinaio di assistenti di volo della compagnia tra lavoratori a tempo indeterminato e precari. Negli ultimi minuti, di fronte a qualche indiscrezione proveniente dalla riunione, sta salendo la tensione. Si sono levate urla di protesta, in particolare quando sono arrivate le telecamere diversi lavoratori hanno in coro esclamato: "Era meglio AirFrance, portate i libri in tribunale". Da più parti del sit in è emerso l’invito ad alcuni sindacalisti che sono scesi a parlare con i lavoratori ad abbandonare la riunione.

La proposta di Sabelli La Cai offrirà ai dipendenti di Alitalia, che assumerà nella Newco, un nuovo contratto che avrà molti elementi di discontinuità rispetto al precedente trattamento. Durante l’incontro con i sindacati, l’amministratore unico di Cai, Rocco Sabelli, ha fatto sapere che il contratto si basa su quattro assi: relazioni industriali, competitività, flessibilità, costi. "Il contratto unico avrà molti elementi di discontinuità", ha spiegato Sabelli dando anche altri particolari su quelli che potrebbero essere i nuovi contratti per i piloti Cai. Si prevede l’azzeramento di tutti i vecchi contratti, l’introduzione della mobilità territoriale per il personale, l’introduzione del salario di prestazione e l’eliminazione dei servizi di trasporto per il personale.

Aperta un'inchiesta dalla Procura I bilanci e i libri contabili degli ultimi dieci anni di Alitalia saranno presto acquisiti dai magistrati della procura di Roma che hanno aperto un fascicolo, al momento senza indagati nè ipotesi di reato, dopo la dichiarazione dello stato di insolvenza emessa dal tribunale civile. Il procuratore aggiunto Nello Rossi e i pm Stefano Pesci, Gustavo De Marinis e Maria Francesca Loy, al termine di un vertice svoltosi questa mattina, hanno già tracciato le linee guida di un’inchiesta che si annuncia complessa e lunga. Nei prossimi giorni una ben precisa delega, per le acquisizioni documentali, verrà affidata al nucleo tributario della Guardia di Finanza. Agli inquirenti interessa ricostruire le ragioni delle perdite e del "clamoroso dissesto" della compagnia aerea al fine di individuare le eventuali responsabilità. Chi indaga vuole capire che uso è stato fatto del fiume di denaro che per anni ha alimentato Alitalia, come sono stati spesi i soldi e chi ha dato il via libera a operazioni francamente discutibili. In tal senso, i magistrati capitolini dovranno disporre di una consulenza finanziaria-contabile e di un’altra elaborata da un economista dei trasporti che dica la sua proprio sul significato di alcune operazioni imprenditoriali del recente passato. Il presente e il futuro di Alitalia - si sottolinea a piazzale Clodio - non saranno oggetto di attenzione da parte dei magistrati che vorranno evitare ogni tipo di influenza e interferenza. "Il nostro lavoro - si precisa - parte dalla dichiarazione dello stato di insolvenza andando indietro di una decina di anni". Dalla lettura dei bilanci, di cui sarà chiesta l’esibizione, gli inquirenti poi valuteranno quali soggetti iscrivere sul registro degli indagati o convocare in procura per avere ulteriori informazioni.