Alitalia perde quota

Piazza Affari non si è discostata dall’andamento incerto delle piazze europee e gli indici subiscono una erosione intorno allo 0,3%, annullando i lenti recuperi delle precedenti giornate. Una maggiore irregolarità si è riscontrata nel comparto bancario, dove i realizzi hanno avuto la meglio nei titoli del risiko bancario, con la Popolare italiana in calo dell’1,2%; realizzi hanno annullato la fase di recupero manifestatasi in precedenza su Montepaschi (meno 1,5%), mentre di nuovo in rosso Popolare Intra, che arretra pure dell’1,5% dopo che non hanno avuta conferma i rumors di un interesse per l’istituto da parte di altre banche. È proseguita l’altalena di Alitalia, da ieri di nuovo in fase negativa, che arretra del 3,4%. Realizzi prevalenti hanno fatto chiudere in rosso le blue chip del comparto energetico, con Eni ed Enel che subiscono modeste limature. Si è invece rafforzata la Fiat, con l’azione ordinaria in recupero dell’1,7%, ma hanno fatto meglio le privilegiate con un progresso del 2,7%. L’assemblea di ieri di Parmalat, con la conferma della linea di risamanento dell’azienda, ha innescato un ennesimo recupero, con la chiusura in rialzo di quasi il 5 per cento.