Alitalia seppellisce Malpensa: «Base a Fiumicino»

Alitalia fa i bagagli e si trasferisce a Fiumicino. È a Roma che ha deciso di avere la nuova base operativa. Altro che promesse del Cai. La Lombardia fa i conti con la decisione della compagnia e ingoia il boccone amaro. Ma non sta a guardare: Il presidente della Regione, Roberto Formigoni, dal Canada, dove è in missione istituzionale, annuncia battaglia «contro il monopolio sulle rotte» e sostiene che sia venuto a galla «il bluff del Cai».
La Lega Nord invita gli imprenditori a fare muro contro la decisione di Alitalia. E l’assessore lombardo alle Infrastrutture Raffaele Cattaneo fa una considerazione: Alitalia avrà sì spostato i voli, ma i passeggeri restano comunque su Malpensa. Si farà leva perciò su altre compagnie, a cominciare da Lufthansa. Filippo Penati punta il dito contro il sindaco Moratti: «Ha fatto da scendiletto al governo amico e Alemanno l’ha battuta 5 a zero». Invece il candidato alla Provincia del Pdl Guido Podestà chiede a gran voce la liberalizzazione delle rotte e la trasformazione di Linate in un city airport, mettendo a tacere le ipotesi di una chiusura.