Alitalia torna in quota

La giornata tranquilla per la festività del 25 aprile ha rallentato l’andamento di Piazza Affari rispetto all’Europa. Il listino milanese ha risentito anche delle prese di beneficio degli investitori su Autostrade (-1,78% a 23,22 euro) dopo la corsa della vigilia e i dubbi espressi da agenzie di rating e mondo politico sull’operazione. Il Mibtel è salito così dello 0,05% a 29687 punti, mentre lo S&P/Mib è cresciuto dello 0,11% a 38078 punti. Non si arresta la corsa del titolo Fiat (+0,57% a 11,22 euro); in spolvero inoltre Ifil (+4,35% a 5,06). Tra le banche, in lieve calo Intesa (-0,36% a 4,72) e Capitalia (-0,27% a 6,75). Rialzo per Mps (+0,89% a 4,75). Molto bene Unicredit (+1,54% a 5,93). Vendite per Generali (-0,4% a 29,98). Alitalia (+3,11% a 1,06) ha recuperato le perdite accumulate lunedì a seguito dell’indagine Ue sull’alleanza Sky Team. E veniamo a TI Media che ha ceduto il 4,13% a 0,39 dopo il balzo della vigilia. Tranquilla Telecom (+0,09% a 2,25), lieve rialzo per Pirelli (+0,3% a 0,79). Acquisti per Fastweb (+1,44% a 40,77) Infine, denaro per Rcs (+0,91% a 4,45), nell’energia cedono terreno Saipem (-1,28% a 20,85) ed Eni (-0,6% a 24,6).