Alitalia, ultima chiamata: intesa o a casa

Aut aut ai sindacati di Augusto Fantozzi. Il commissario straordinario di Alitalia ha comunicato che se non ci sarà un accordo sul piano di salvataggio entro giovedì, la compagnia avvierà le procedure per la mobilità e la disdetta dei contratti. Questa mattina alle dieci, tutti i protagonisti del confronto si riuniscono al ministero del Welfare, per quello che tutti pronosticano come il «giorno più lungo» della infinita e travagliata vicenda Alitalia. Parteciperanno probabilmente anche i leader di Cgil-Cisl-Uil. E intanto segretario generale Uil Angeletti fa sapere: «L’ostacolo maggiore all’accordo sono le retribuzioni».