All’Arena la marcia di Gio 4 chilometri di solidarietà

È stato Giovanni a disegnare quell’arcobaleno. I colori che formano il logo della «Marcia di Gio» li ha scelti lui, poco prima di morire. Non aveva ancora otto anni, ma fino all’ultimo, nonostante il suo tumore al cervello, ha continuato a condurre una vita normale.
«Sotto l’arcobaleno di Gio - racconta Francesca Scropetta, mamma del bambino e fondatrice dell’omonimo Fondo - mi auguro si possa correre nella speranza». La camminata si pone tre obiettivi: «Sensibilizzare i milanesi sul dramma vissuto dai familiari e dai pazienti colpiti da una neoplasia cerebrale, informare la popolazione circa gli importanti sviluppi della ricerca e raccogliere fondi da destinare alla ricerca per i tumori cerebrali infantili».
L’appuntamento è per domenica alle 9 all’Arena Civica, da li partirà un percorso di circa quattro chilometri all’interno del Parco Sempione. Possono partecipare tutti, con un contributo di cinque euro, ed è possibile iscriversi fino a dieci minuti prima della partenza. Testimonial dell’evento sarà il comico Enzo Iacchetti, durante la mattinata quattro clown dell’associazione «Veronica Sacchi» si occuperanno dell’animazione dei bambini. Per i più grandicelli, invece, sarà organizzata una staffetta in pista con premi per i vincitori.
La marcia, patrocinata da Regione, Provincia e Comune, rientra nelle iniziative promosse dall’Ibta (International brain tumor alliance) nella settimana (dal 21 al 27 ottobre) per la sensibilizzazione alla lotta contro i tumori. «La nostra iniziativa - spiega Francesca Scropetta - contribuirà alla realizzazione del “Walk around the World for Brain Tumours”». Una camminata ideale che si propone di coprire i 40mila chilometri che formano la circonferenza della terra all’equatore. «In tutto il mondo - continua la madre - saranno organizzate delle marce ed ogni partecipante darà il proprio contributo per il conteggio dei chilometri». I fondi raccolti saranno utilizzati per attivare i progetti di Neuro-oncologia Sperimentale che la Fondazione I.r.c.s.s. Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano, tra i promotori della Marcia, porta avanti insieme alle principali strutture oncologiche milanesi. «Per venerdì - aggiunge Gaetano Finocchiaro, dirigente della struttura neurologica sperimentale del Besta - abbiamo organizzato anche un convegno, in modo da affiancare all’iniziativa della marcia anche un evento che porti avanti l’aspetto scientifico».