All’asta i capolavori dei designer

Luisa Barberis

Per la prima volta a Genova vengono esposti e successivamente messi in vendita dalla casa d’aste Boetto i pregiati oggetti raccolti nella rassegna «Design e arti decorative del 900».
La mostra, che ha aperto giovedì, sarà visitabile fino a oggi dalle 10 alle 12.30 al mattino e nel pomeriggio dalle 15.30 alle 19, presso i locali dell’asta antiquariato Boetto di via Garibaldi.
A curare la rassegna artistica Sergio Montefusco per quanto riguarda la ricerca bibliografica e fotografica delle opere, mentre la prefazione al catalogo della mostra è stata redatta da Bernadette Rosina, ex redattrice della rivista Domus e arredatrice dal 1971.
In esposizione oggetti e mobili dei più importanti design italiani e mondiali, tra i nomi più famosi quelli di Achille Castiglioni, Franco Albini, Lino Sabattini, Ettore Sottsass, Joe Colombo o Gio Ponti.
Fiore all’occhiello della mostra una collezione di oggetti in metallo argentato di Lino Sabattini risalente all’epoca tra gli anni ’60 e ’80 ed il libro, documento esclusivo e mai presentato a Genova, dedicato e questi prodotti, scritto da Gio Ponti e dedicato al genio dell’amico Sabattini. A disposizione del pubblico genovese anche un tavolo del 1971 in acciaio e marmo firmato da Ettore Sottsass, seggiole di Gio Ponte, un bar cavalletto laccato del 1947, lampade di vario genere, e, tra i pezzi di maggior valore, un vaso sferico in vetro «primavera» della ditta Baravier di Venezia.
La rassegna oltre a portare per la prima volta in città pezzi illustri del design mondiale, vuole essere un omaggio non casuale ad una ricorrenza. Già nel 1966 Genova fu per dieci giorni la capitale europea del design con la mostra Eurodomus voluta dal grande Gio Ponte, oggi a 40 anni di distanza le opere di quest’artista tornano ad essere ammirate nel capoluogo ligure.
Al termine dell’esposizione tutti gli oggetti saranno messi in vendita con un’asta che si terrà domani pomeriggio alle 15.30 presso i locali dell’Asta Boetto.