All’Oberdan la Berlino del muro Allo Gnomo si «vedono» i suoni

Prosegue, allo Spazio Oberdan, la rassegna C’era una volta Berlino: a 20 anni dalla caduta del Muro inserita nell’ambito delle celebrazioni per la riunificazione della Germania. Stasera, giorno esatto dell’anniversario, si ripercorre la memoria storica attraverso tre pellicole. Si parte alle 17 con Fuoco e fiamme, inedito del 2001 che racconta l’amore di due giovani al tempo del Muro; alle 19, il terzo episodio di Heimat 3 - Cronaca di una svolta epocale ovvero Arrivano i russi, alle 21.30 Sonnenallee, opera del ’99 mai distribuita in Italia. Domani, si chiude con Uno, due, tre! diretto da Wilder e Il coniglio sono io, film del ’64 vietato dalla Sed perché ritenuto anti-socialista. Allo Gnomo, dal 10, parte la retrospettiva Vedere i suoni, con opere tra documentario e spettacolarità. Si inaugura il tutto con tre titoli come Beware dogs di Spandan Bannerjee, All the world stage di Nirman Shander e La sala di musica di Satyajit Ray.