All’Olimpico i Testimoni di Geova tifano per Cristo

Ventimila fedeli dialogano sui sacri testi nel «tempio» di calcio e rock

Durante l’anno l’Olimpico ospita il calcio, con la sua tensione, la rabbia che spesso sfocia in violenza e il tifo decisamente «profano», degli ultrà. Poi, in estate, è la volta dei grandi concerti delle rockstar, con un pubblico devoto sì, ma ai decibel. Insomma, sugli spalti dello stadio che ha ospitato un’Olimpiade e una finale dei Mondiali di calcio, solitamente l’unica fede è Totti e se si parla di Madonna in genere è quella che canta.
Desta quindi curiosità il fatto che in questi giorni gli spalti dell’impianto del Foro Italico accolgano un tipo di pubblico molto differente e assai meno agguerrito, quello religioso dei Testimoni di Geova: una pacifica folla di 20mila fedeli che, come ogni anno, si ritrovano all’Olimpico arrivando da tutto il Lazio e che da ieri fino a domani «giocherà» la partita della fede dal titolo «Segui il Cristo!». Il tema della tre giorni è infatti Gesù Cristo come modello per tutti i cristiani e mira a sensibilizzare il maggior numero di fedeli sul ruolo di Dio nella vita di ogni persona.
«I testimoni di Geova ritengono che Cristo sia l’esempio da seguire per tutti quelli che desiderano essere approvati da Dio - afferma Antonio Del Rio, uno dei portavoce dell’assemblea -. Per seguire le orme di Cristo e dei suoi insegnamenti bisogna esaminare attentamente ciò che è scritto nella Bibbia. Le parole di Gesù spesso non vengono lette ed è per questo che il messaggio cristiano, che noi testimoni di Geova vogliamo comunicare, non viene capito o viene male interpretato».
Il grande raduno estivo dei testimoni di Geova prevede la presentazione del programma cristiano in 18 lingue: italiano, albanese, arabo, bengali, cinese, croato, francese, inglese, polacco, portoghese, punjabi, romeno, russo, singalese, spagnolo, tagalog e tedesco. L’assemblea include una sessione mattutina che inizia alle 9.30, una pomeridiana che comincia alle 13.40 e termina oggi alle 16.55 e domani, alle 16.
Uno dei momenti più emozionanti della tre giorni è alle 11.40 di oggi, quando 150 fedeli diventeranno, attraverso la cerimonia del battesimo, dei nuovi testimoni di Geova. Per questa ragione è stata allestita, all’interno dello stadio, una piscina dove i fedeli si immergeranno completamente in acqua e una volta riemersi, seguiranno il percorso spirituale cristiano. Il programma di domani, ultimo giorno dell’assemblea dei testimoni di Geova prevede una serie di discorsi, alle 11.20, che commenteranno il Sermone del Monte di Gesù e dimostreranno come si può stabilire «chi sono i veri seguaci di Cristo».