Allagamento

La rottura di un tubo dell’acqua nell’antica palazzina torinese sede dell’Accademia delle Scienze e del Museo Egizio ha destato preoccupazione nelle prime ore di ieri mattina. Nella notte, a causa del gelo, un guasto ai rubinetti del sistema antincendio dell’Accademia delle Scienze ha provocato un allagamento all’ultimo piano del palazzo, bloccato dopo alcune ore grazie all’intervento dei Vigili del fuoco. Al Museo Egizio al momento la situazione è sotto controllo. «Tutti gli ambienti del Museo Egizio, allo stato attuale, sono in completa sicurezza e non vi sono danni di alcun tipo», assicura una nota del Museo. Inoltre «l’allagamento, che ha interessato la Sala dei Mappamondi (dell’Accademia), non si è esteso alle sale del Museo Egizio eccetto che per una contenuta e momentanea fuoriuscita d’acqua nella prima sala, sulla quale il personale è intervenuto immediatamente bloccandola in via definitiva». Tuttavia a scopo cautelativo si è proceduto a mettere in salvo i reperti più delicati, cioè il Papiro Regio e la statua di Redit. L’Accademia delle Scienze invece, che custodisce circa 150mila volumi antichi, ha subito danni più ingenti.