Allam batte Gheddafi

Il cristianesimo batte l’islam. O meglio, in tribunale, Magdi Cristiano Allam, batte la Libia, e dunque per estensione il suo leader Gheddafi. Il caso nasce da una frase contenuta nel libro di Allam Viva Israele (Mondadori) relativa alla condanna a morte del giornalista proclamata dalla Repubblica libica. Di qui la causa intentata a luglio, con richiesta di eliminare la frase o di sequestrare il libro. Ma non accadrà, perché la Libia si è sentita diffamata tardivamente. Il libro, infatti, come spiegano i legali di Allam e della casa editrice, Caterina Malavenda e Antonello Martinez, è stato pubblicato nel maggio del 2007, ha venduto oltre 100mila copie ed è già in edizione economica. Il ricorso, invece, è arrivato a luglio.