Allargare l’Ecopass? Arriva lo stop dei commercianti

«No a una città di dazi». Il presidente dell’Unione del commercio Carlo Sangalli snocciola le cifre di una crisi che non risparmia Milano e tra le strategie per risollevare i bilanci chiede di «applicare il buon senso» ed evitare «ulteriori allargamenti, non programmati e non condivisi, dell’area Ecopass, che già crea una barriera psicologica per molti all’entrata in città». Il sindaco Letizia Moratti assicura che quando verrà fatta la consultazione sugli sviluppi di Ecopass «ascolteremo naturalmente anche la voce dei commercianti, non siamo mai andati avanti unilateralmente».
Mobilità a parte, i commercianti chiedono un accesso più facile al credito, meno burocrazia. L’occupazione «tiene», ma negli ultimi 6 mesi il 66% ha avuto più difficoltà a pagare i fornitori, l’82% l’ha rilevata dai clienti. E contro la crisi, il sindaco ha chiesto all’assessore al Bilancio un’accelerata al pacchetto di azioni messo in bilancio per il 2009, per dare risposte subito alle famiglie. Entro un mese dovrebbe partire il bando per aiutare le giovani coppie in mobilità a pagare il mutuo, con un fondo a rotazione. Previsti nuovi sostegni all’affitto e incentivi agli artigiani.