Allarme amianto a Sestri Levante

Maria Vittoria Cascino

da Sestri Levante

Demoliscono muro nelle aree ex Fit, ma l'edificio ha per tetto diecimila metri quadri d'amianto. La storia gira intorno alla fabbrica di tubi, dismessa da vent'anni, piazzata nel centro cittadino e intrisa d'amianto. Parte l'opera di riqualificazione ad opera della Sestri Sviluppo Immobiliare. Che deve costruire edifici residenziali e commerciali, eliminando l'esistente seguendo un piano di bonifica. Giovedì intorno alle 17 gli operai abbattono una parete dell'edificio sede delle cooperative del Consorzio Tassano, quasi del tutto trasferite a Casarza Ligure. Questioni di pochi colpi, tranciano un cavo dell'alta tensione lasciando al buio uffici e operai e toccano l'ondulato d'amianto. Ieri la segnalazione. Il direttore lavori, Sebastiano Gaggero, conferma che è tutto nella norma, il muro non ne contiene e la pratica per lo smaltimento in sicurezza della copertura è gia stata avviata con l'Asl. Intanto i pezzetti d'amianto sono per terra e i Vigili vengono allertati. Di fianco c'è il lotto in costruzione su cui pende un ricorso al Tar promosso dagli ambientalisti. Se ne discuterà a marzo. Nessuna sospensiva al momento perché l'impresa s'è impegnata ad allestire solo il cantiere.