Allarme aviaria a Voltri per la morìa di gabbiani

Scatta l’allarme, a Voltri, per un’improvvisa morìa di gabbiani. E l’incubo aviaria mette in moto la Asl. Il primo a rendersi conto di alcune carcasse nei pressi del torrente Leira è stato un volontario della Protezione civile che si è rivolto al «112». La centrale operativa dei carabinieri ha girato la segnalazione alla stazione di Voltri che ha compiuto i primi accertamenti. In effetti lungo il greto del corso d’acqua gli uomini del maresciallo Taddei hanno trovato i resti di tre gabbiani, mentre poco distante è stata trovata una quarta carcassa.
A quel punto è stato informata la Asl che ha mandato sul posto i propri uomini per prelevare gli animali morti e portarne i resti in laboratorio dove saranno sottoposti ad autopsia. In serata sono stati rinvenute altre carcasse di gabbiani in via D’Albertis, sempre a Voltri. Al momento però è impossibile azzardare ipotesi sulle cause della morte degli uccelli marini.
Sembra comunque esserci molto scetticismo sull’ipotesi che possa trattarsi dei primi casi di influenza aviaria riscontrati a Genova, soprattutto in considerazione del tipo di alimentazione dei gabbiani.
Tra l’altro in questi ultimi giorni si sono moltiplicate le segnalazioni agli uffici della Asl da parte di cittadini che notavano per strada o nelle campagne volatili morti. Finora però tutti gli accertamenti compiuti hanno sempre portato a escludere che l’origine della morte fosse legata al virus più temuto del momento.