Allarme caldo, da oggi 40 gradi

Nella mente di tutti resta l’estate 2003. Quando, in particolare durante i primi quindici giorni di agosto, l'Europa fu colpita da una massiccia ondata di caldo. Un fenomeno eccezionale che causò la morte di molti anziani e rese la vita durissima a tutti gli altri.
Memore di quell’annus horribilis e con un occhio al meteo, Milano si attrezza. Si organizza. Prepara piani di emergenza. Per fronteggiare quella che - almeno a giudicare dai valori previsti che questa settimana, tra temperatura reale e percepita, potrebbero sfiorare la soglia dei 40 gradi - sarà una delle estati più calde degli ultimi tre secoli.
Gli operatori del 118 spiegano che fino a ieri non hanno avuto interventi particolari o chiamate di emergenza da parte di persone in difficoltà per il caldo. Da stamani, però, le 36 ambulanze che circolano giornalmente su territorio cittadino saranno allertate per ogni eventualità.
«Se è necessario siamo pronti a modificare la nostra routine giornaliera - ci spiegano -. Anche sulla base del grado di criticità climatica segnalatoci giornalmente dalla Protezione civile secondo una scala di colori prestabilita: verde e giallo indicano le situazioni climatiche normali o comunque accettabili, l’arancione rappresenta la soglia di attenzione e il rosso il pericolo. In caso di caldo record e molti interventi, consigliamo ai nostri codici verdi (le chiamate per interventi non gravi o urgenti, ndr) di recarsi personalmente al pronto soccorso o spieghiamo che arriveremo ma non subito. La Regione obbliga le strutture private, come alcune cliniche, a dare disponibilità di posti letto (solitamente nel reparto di medicina) che potrebbero mancare negli ospedali pubblici. Che, da parte loro, in rete, attraverso il servizio Euol (Emergenza-urgenza online), si scambiano informazioni su eventuali reparti saturi o chiusi per verificare, momento per momento, la situazione dei posti letto».
Anche il Comune ha attivato il «Piano anticaldo 2011- Estate Amica». «L’obiettivo principale - ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali e ai servizi per la salute Pierfrancesco Majorino - è quello di fornire un supporto e un punto di riferimento certo per qualsiasi emergenza o bisogno offrendo interventi di pronto intervento assistenziale, consegna pasti caldi a domicilio, assistenza domiciliare, momenti di compagnia e aiuto domestico, con accompagnamento per la spesa o per visite mediche, oltre a buoni spesa gratuiti per gli anziani più indigenti, buoni taxi».
Il servizio viene attivato su richiesta telefonica al numero verde 800777888 o al centralino 020202, dedicati all’iniziativa fino al 4 settembre, tutti i giorni, compresi i festivi, dalle 8 alle 19.
«Sono convinto dell’utilità di questa iniziativa, frutto del lavoro della precedente Amministrazione - conclude Majorino -, un lavoro in questo campo prezioso che non intendo disperdere. Milano può e deve affrontare le settimane più calde dell’anno mettendo in campo fantasia e generosità».
Intanto, se si eccettua la folla del centro impegnata nei saldi, ieri Milano era quasi vuota. E per i pochi «sfortunati» costretti a restare in città è stata un’occasione per occupare la spiaggia dell’Idroscalo, tornato balneabile, o affondare i piedi nelle fontane per trovare un pò di sollievo dalla canicola.