Allarme del Censis: «Troppe vittime su strade e al lavoro»

L’Italia è il Paese europeo dove si muore di più sulle strade e col maggior numero di morti sul lavoro. Le vittime di incidenti stradali sono quattro volte superiori ai morti sul lavoro. Secondo i dati diffusi dal Censis, infatti, nel 2006 i decessi sulle strade sono stati 5.669, più che in Paesi anche più popolosi del nostro: Regno Unito (3.297), Francia (4.709) e Germania (5.091). Gli altri Paesi hanno fatto meglio di noi, poi, negli interventi tesi a ridurre i decessi sulle strade. Le vittime della strada in Italia sono passate da 7.020 del 1995 a 6.649 del 2000, fino agli attuali 5.669. L’altro triste record detenuto dall’Italia riguarda le morti bianche. Nel 2007 sono stati 1.170 i decessi per motivi di lavoro, di cui 609 in infortuni «stradali», ovvero lungo il tragitto casa-lavoro.