Allarme clima: dieci meraviglie naturali a rischio

Allarme del Wwf: dalle vette più alte del pianeta agli abissi degli oceani, specie,
paesaggi, ecosistemi rischiano di non sopravvivere agli impatti del cambiamento climatico indotti
dall'intervento umano, che sta ormai procedendo a ritmi insostenibili: <strong><a href="/media.pic1?ID=113">guarda le immagini</a></strong><br />

Dalle vette più alte del pianeta ai coloratissimi abissi degli oceani, specie, paesaggi, ecosistemi straordinariamente affascinanti e di fondamentale importanza ecologica rischiano di non sopravvivere agli impatti del cambiamento climatico indotti dall'intervento umano, che sta ormai procedendo a ritmi insostenibili. Lo sottolinea l'ultimo dossier del Wwf "Salviamo le meraviglie naturali del mondo dal cambiamento climatico", (guarda le immagini) a un giorno dal rapporto del secondo Gruppo di Lavoro dell'Ipcc (Comitato Intergovernativo sul Mutamento Climatico) sugli impatti, la vulnerabilità e l'adattamento ai cambiamenti climatici, la cui pubblicazione è prevista per domani. Sono dieci le meraviglie della natura più a rischio scelte come focus dal Wwf, molte le altre che presto o tardi subiranno un analogo grado di minaccia.

"La barriera corallina - il cui valore complessivo, fondato sulla ricchezza di biodiversità che raccoglie, è calcolato approssimativamente in 30 miliardi di dollari - si sta sbiancando per le elevate temperature dei mari e rischia una progressiva distruzione, con drammatiche conseguenze per le innumerevoli forme di vita che vi trovano sostentamento (pari al 25% della vita marina) e per molte popolazioni in via di sviluppo- ammonisce il WWF. - Ma soffrirà, ad esempio, anche il deserto di Chihuahua, l'area desertica più ricca di biodiversità con oltre 3.500 specie di piante di cui un migliaio endemiche, il cui delicato equilibrio idrico è seriamente minacciato dalla variazione delle precipitazioni e dai lunghi periodi di siccità. Mentre il motore idraulico del mondo, il Rio delle Amazzoni, che riversa nell'oceano circa un quinto dell'acqua dolce che complessivamente vi confluisce ed è un regolatore climatico per tutto il pianeta, subirà un prosciugamento diffuso, con la possibilità che buona parte della foresta pluviale si trasformi in un'arida savana". "Il Wwf fa la sua parte, con oltre 2,000 progetti di conservazione attiva, - commenta Gianfranco Bologna, Direttore scientifico Wwf Italia. - Si tratta di esempi concreti di attuazione della sostenibilità, ma possono restare gocce nell'oceano se non si verifica rapidamente un forte impegno politico per reagire ai cambiamenti che noi stessi stiamo inducendo nei sistemi naturali. Fino a quando a bordo del treno di Kyoto non saranno saliti anche Stati Uniti e Australia, come richiesto anche dal Commissario Ue per l'ambiente Stavros Dimas, sarà più difficile vedere un futuro più roseo e sarà più difficile pretendere l'impegno di Cina e India per evitare che il sistema climatico vada fuori controllo".