Allarme sicurezza La minaccia Isis e la rete di Milano

Lo sportivo, lo studente e il cantante: le storie dei sospetti terroristi lombardi

Non viaggiano ancora sul dark web, il web selvaggio, prateria indisturbata di terroristi e criminali che proprio lì, almeno in Francia, si riforniscono di armi. Tuttavia restano pericolosi esempi «nostrani» di quanto possa essere facile indottrinarsi tramite internet, prendere contatti su Facebook a chi segue la deriva del fanatismo e agire nell'oscurità fino a quando non diventano oggetto d'indagine dei nostri 007. Sicuramente non lo fa Aftab Farooq, 26 anni, di origine pakistana, già magazziniere al «Decathlon» di Basiano e residente con la moglie connazionale a Vaprio d'Adda, espulso dal nostro Paese il primo agosto. Forse ci si dedica invece Abderrahmane Khachia, 23 anni, residente a Brunello (Varese) convertitosi dopo la mortedel fratello maggiore Oussama nei territori dell'Islamic State lo scorso inverno ed espulso nel maggio scorso con il padre e la madre. Non si sa più nulla invece di Anas el-Abboubi, probabilmente che, nato nel 1992 in Marocco, si era trasferito giovanissimo (aveva 7 anni) nel Bresciano, Dopo essere stato arrestato e scarcerato , è entrato in contatto con un network di albanesi che lo ha portato in Siria, probabilmente ad Aleppo.