Alle aziende «sconti» per quattro miliardi

Le piccole imprese pagheranno quattro miliardi di euro in meno alla burocrazia. Uno «sconto» del 59 per cento, dovuto all’effetto congiunto di accordi e provvedimenti promossi dai ministeri del Lavoro e della Funzione pubblica. Il calcolo è contenuto in una tabella del «Pacchetto di Natale», un bilancio di otto mesi di attività del dicastero guidato da Renato Brunetta, consultabile nel sito www.innovazionepa.gov.it. Oggi, in tutto, solo per le pratiche legate al lavoro, le Pmi spendono per gli adempimenti burocratici 6,9 miliardi. Il taglio sarà precisamente di 4.085 milioni di euro. In particolare pesa l’eliminazione del libro paga, sostituito dal libro unico del lavoro. Una decisione che farà risparmiare 3.352 milioni di euro. Tra gli altri costi che saranno tagliati, quelli che riguardano le autorizzazioni dello scarico di acque reflue e il certificato di prevenzione incendi che pesano rispettivamente per un miliardo e per ottocento milioni di euro.