Alle Molinette di Torino viene misurata agli anziani la rigidità delle arterie

È stata attivata, presso il reparto di geriatria dell'ospedale Molinette di Torino (diretto dal professor Giancarlo Isaia), un’apparecchiatura in grado di valutare la rigidità delle arterie (Stiffness arterioso) e che permette di prevenire le malattie cardiovascolari, a completamento delle attività ambulatoriali di diagnostica delle malattie, che da molti anni caratterizzano l’attività di questo reparto (capillaroscopia, holter pressorio, fotopletismografia, valutazione dello spessore medio-intimale). L’esame, del tutto incruento ed ampiamente validato dalla letteratura internazionale, può costituire un utile strumento di prevenzione dell’arteriosclerosi, ponendo l’eventuale indicazione, in soggetti ancora apparentemente sani, alla correzione dei fattori di rischio e ad un successivo monitoraggio. L’apparecchiatura è in grado di fornire un indice di rigidità (CAVI) delle arterie ed una stima dell’età biologica dell’albero vascolare del paziente che, posto in tal modo di fronte ad un dato scientifico preciso ed inoppugnabile, è auspicabile possa più facilmente essere indotto a mutare radicalmente le sue abitudini personali a rischio cardiovascolare eventualmente presenti (fumo, scarsa attività fisica, abuso di alcool, regime dietetico non corretto, eccessivo peso corporeo, stress). In questo senso pertanto l’esame può essere considerato un utile strumento di prevenzione primaria e secondaria. Lo strumento utilizzato (VaSera VS –1500N) presenta le seguenti principali caratteristiche: è l'unico strumento in grado di misurare in modo operatore - indipendente l'indice Cavi (Cardio Ankle Vascular Index), che permette di valutare l'elasticità arteriosa in maniera totalmente non invasiva ed in pochi minuti. Valuta inoltre il bilanciamento della pressione arteriosa: trattasi di un'indicazione grafica bidimensionale della distribuzione delle pressioni arteriose alle estremità, che consente di visualizzare facilmente l'equilibrio delle pressioni tra gli arti superiori e quelli inferiori e che può essere assai utile nella diagnostica di sospetta stenosi vascolare. Presenta un report di semplice comprensione e le misurazioni, sono effettuate che richiedono circa 5 minuti, sono effettuate tutte insieme durante l’esecuzione dell’esame. I progressi della diagnostica migliorano l’efficacia delle terapie ed incidono sui costi sanitari.
gloriasj@unipr.it