Via alle scommesse sul calciomercato

Da ieri si può scommettere sul calciomercato. E l’offerta più interessante che figura fra le nuove tipologie di gioco ideate e ammesse da Aams il lunedì di Pasqua. Un vero e proprio «antepost» sui trasferimenti dei giocatori nel mercato estivo, in palinsesto ne figurano al momento una settantina, 4-5 per squadra. Alcuni concessionari hanno sfruttato immediatamente la novità offrendo quote interessanti a otto giornate dalla chiusura del campionato. E i clienti più affezionati, che hanno affollato le agenzie aperte durante le festività, hanno apprezzato la clamorosa novità. Vedremo nei prossimi giorni se le quote varieranno in misura consistente da operatore a operatore dando luogo (finalmente!) a una diversità di proposte finora sconosciuta.
Nel comunicato di Aams, firmato da Luca Turchi, si legge: «La scommessa consiste nel pronosticare se un calciatore al momento della chiusura della sessione estiva del calcio mercato 2009 sarà stato oggetto di variazione di tesseramento rispetto alla stagione calcistica precedentemente conclusa. La certificazione per tale scommessa sarà effettuata da Aams al termine della sessione estiva del calciomercato 2009 nulla valendo eventuali modifiche di tesseramento apportate da organismi di Giustizia sportiva nazionali e/o internazionali. In sostanza, lo scommettitore dovrà pronosticare se, al momento della refertazione, un calciatore giocherà per una squadra diversa rispetto a quella con la quale ha concluso il campionato 2008/2009».
Ma non si tratta dell’unica novità. La nuova tipologia di scommesse permette di giocare non solo sui gol di una partita (under/over 2,5) ma anche se una squadra segna o meno nel corso di tutto l’incontro, del primo tempo o della ripresa. E via di questo passo. Le offerte antepost sono 20, quelle live 8. A questo riguardo l’accettazione è ammessa fino al 44’ di ogni tempo. Si chiedeva ad Aams di ampliare il palinsesto in modo da rispondere adeguatamente alle variegate e spesso paradossali offerte dei bookmaker inglesi. Ebbene la risposta è stata positiva. Ora il gap è minimo. Ma la ricchezza dell’offerta non è tutto e infatti incide solo in parte sulla raccolta globale: per il 50% si punta sul risultato (1, X, 2) e per il 25% sulla doppia chance. Attenzione quindi alla facile retorica di chi, stando dalla parte del banco, non vuole prendersi rischi e poi veste i panni della vittima sacrificale.
Novità anche in altri sport. In campo motoristico si può giocare sul testa a testa nelle qualifiche. «Per la refertazione – avverte Aams – verranno considerati i tempi realizzati e non si terrà conto delle eventuali penalizzazioni intervenute, anche precedentemente alle prove di qualifica, nei confronti dei piloti». Nel motociclismo, nello sci e nel ciclismo, da ieri è permesso scommettere sull’atleta che si classificherà nelle prime tre posizioni delle gare prese in considerazione da Aams. È il “piazzato” delle corse ippiche. Infine una considerazione. Per l’Amministrazione dello Stato la certificazione del risultato rappresenta uno dei punti più qualificati di tutela nei confronti degli scommettitori.