Alleanze Tangenziale est, la Provincia cerca nuovi soci

La Provincia di Milano punta a far entrare altri soci, come Unicredit e Cdp, in Tem (la società che controlla il progetto di sviluppo della tangenziale est di Milano), di cui detiene direttamente e indirettamente il 47%, anche se è pronta al momento a salire oltre il 50% del gruppo, sottoscrivendo l’inoptato nell’ambito dell’operazione di aumento di capitale. È quanto ha sopiegato ieri il presidente della Provincia, Guido Podestà: «Ci stiamo lavorando, ora è in corso l’aumento di capitale di Tem. Venerdì abbiamo avuto un incontro con i rappresentanti di Intesa Sanpaolo, il gruppo Gavio e di Aspi-Autostrade per l’Italia per capire come saranno gli atteggiamenti nei confronti dell’inoptato, che Aspi non sottoscriverà. Dall’incontro è emerso che da un lato noi, come parte pubblica e provincia, tendiamo a non arrivare alla maggioranza ma alla firma di determinati patti parasociali, che garantiscano comunque il controllo alla parte pubblica. Se ciò non sarà possibile, supereremo il 50%, ma in occasione del prossimo aumento di capitale potremmo non sottoscrivere. Il nostro desiderio è far entrare altri soci». Riguardo al possibile ingresso di Unicredit, Podestà ha detto: «A Unicredit facciamo la corte, così come ad altri soggetti».