Alloggi ai rom «Rispetteremo le graduatorie dell’Aler»

«Non ci sarà alcuna casa data senza rispettare le graduatorie». Lo assicura il sindaco Letizia Moratti in merito alla polemiche sugli sgomberi del campo di via Triboniano e l’ipotesi che i rom traslochino in alloggi popolari. In realtà si tratta di una quota di case in capo alle onlus, che le assegneranno ai nomadi. Un «escamotage» per evitare le lunghe attese in lista. Il sindaco ricorda l’obiettivo di alleggerire la presenza dei rom, «nel 2007 ne avevamo 10mila oggi poc più di 2mila, questa è la politica di rigore».