All'Umanitaria i delitti e i misteri del passato

Ricostruzione della scena del delitto, analisi e comparazione del dna, studio della traiettoria degli schizzi di sangue. Un tuffo nella cronaca nera quello che ci offre la puntata odierna della rassegna «Un libro al mese» organizzata dall'associazione no profit Nestore. Oggi alle 16 negli splendidi chiostri della società Umanitaria, (tel. 02/57968324,ingresso in via Santa Barbara 48) verrà presentato il libro «Delitti e misteri del passato. Dall'agguato a Giulio Cesare all'omicidio di Pier Paolo Pasolini» opera a sei mani firmata dal colonnello Luciano Garofano, capo dei Ris di Parma, dall'antropologo Giorgio Gruppioni e dallo storico documentarista Silvano Vinceti per i tipi di Rizzoli.
Che cos'anno in comune l'omicidio di Giulio Cesare, l'avvelenamento del filosofo Pico della Mirandola, vissuto alla corte dei Medici, la scoperta dei resti di Matteo Maria Boiardo e il delitto Pasolini? Comune denominatore dei grandi gialli del passato e dei casi giudiziari dei nostri giorni, l'essere «cold cases» ciò che in gergo s'intende per delitti non risolti. Casi da molti dimenticati che, rivisti alla luce delle più moderne tecniche e strumentazioni investigative, possono avere ancora molto da dire. Il collonello Garofano in perosna accompgna per mano il lettore nei meandri del mondo investigativo, mostrando «suol campo» come si conduce un'indagine, come si raccolgono indizi e prove, come si studiano i reperti, come si effettua un sopralluogo, come si organizza il lavoro di consulenza. Il saggio non si esaurisce qui: le analisi scientifiche, infatti, si intrecciano con la ricostruzione del contesto e dell'ambiente storico -culturale delle diverse vicende.
Chiunque abbia seguito i fatti di cronaca più misteriosi e avvicenti dei nostri giorni, inoltre, potrà provare il brivido di discuterne direttamente con il capo dei Ris, che sarà presente, insieme agli altri autori, alla presentazione del volume. Merito di Nestore, che vede tra i suoi fondatori anche la Società Umanitaria, associazione nata nel 1996 per la realizzazione di corsi e di pubblicazione dedicati al tema della transizione dal lavoro alla pensione.
Nestore, infatti, nasce con lo scopo di accompagnare le persone nella delicata fase di transizione verso la pensione: l'esperienza di una vita diventa così occasione per aiutare gli altri. Molto spesso infatti si arriva impreparati ai profondi cambiamenti che la pensione provoca nella vita di tutti i giorni, e, allo stesso tempo, inconsapevoli delle potenzialità insite in ciascuno di noi. Ecco allora che dall'incontro tra tempo libero, professionalità e competenze è nato un gruppo di volontari attivi e motivati.