Alluvione in Gran Bretagna: morte 3 persone A rischio una diga del South Yorkshire

Nelle ultime 24 ore in Inghilterra sono morte tre persone annegate a causa delle improvvise alluvioni provocate dal maltempo. Intanto, nella contea del South Yorkshire una diga rischia di cedere e di travolgere le abitazioni circostanti

Sheffield - Mentre l'Europa meridionale soffre il caldo e l'emergenza idrica, l'Inghilterra centro-setternttrionale e il Galles devono fronteggiare un'inattesa ondata di maltempo. Nelle ultime 24 ore, sulle due regioni si sono abbattute incessanti precipitazioni che hanno provocato alluvioni e allagamenti in chi hanno perso la vita tre persone. E nella contea del South Yorkshire sta per cedere una diga.

Le vittime dell'alluvione Stando a quanto dichiarato dal soccorso britannico, sono almeno tre le persone che hanno perso la vita a causa del maltempo di queste ore. Tra le vittime c’è un giovane di 28 anni, rimasto intrappolato ieri in una cantina sommersa a Hessle, nei pressi di Kingston upon Hull, nella contea dell’Humberside: vani tutti i tentativi di liberarlo. A Sheffield, capoluogo della contea del South Yorkshire, sempre ieri hanno perso la vita un uomo di 68 anni, annegato mentre cercava di attraversare una strada allagata, e un tredicenne, travolto dalle acque in piena di un ruscello, ingrossate a dismisura dalle piogge torrenziali.

La diga pericolante Nella stessa contea, intorno a Rotherham, polizia e vigili del fuoco hanno fatto evacuare almeno 250 persone, le cui case sono minacciate dal possibile crollo della vicina diga sul fiume Ulley, lungo le cui pareti sono cominciate ad apparire vaste crepe dovute alla enorme pressione dell’acqua in eccesso accumulatasi nel bacino idrico. In caso di cedimento, sulla vallata sottostante si abbatterebbe una vera e propria valanga, che in appena un quarto d’ora potrebbe dilagare fino a raggiungere l’autostrada M1, la quale nel frattempo è stata chiusa, e da lì colpire le aree residenziali. Impossibile prevedere quanto a lungo potrà reggere la struttura.