Alluvione: Roma manda 90 milioni e il merito se lo prende Burlando

(...) che prevede 90 milioni, in due anni, per i danni delle alluvioni in Liguria - ha annunciato il presidente - È merito della compattezza che tutta la Liguria ha mostrato, dai cittadini agli enti locali, ai parlamentari». Così Burlando, ha commentato l’approvazione dello stanziamento dei fondi per le alluvioni che lo scorso autunno hanno provocato danni per 300 milioni. «Inizialmente - ha spiegato ancora Burlando - era stato deciso di dare alla Liguria 100 milioni, ma all’ultimo momento ne sono stati tolti 10 per darli a Messina, anche questi in due anni. Ora il decreto andrà al Senato e poi alla Camera, dobbiamo attendere ancora qualche settimana per l’ufficialità ma è un buon segnale. Presto potremo programmare gli interventi più urgenti».
Il presidente ha voluto sottolineare il successo della battaglia ligure come un thriller: «C’è stato un momento in cui i risarcimenti sembravano persi - ha detto - ma la compattezza di tutta la Liguria ha consentito di ottenere quanto giustamente ci spettava. Non senza alcuni accesi scontri con il Governo». La Liguria ha infatti chiesto fin dallo scorso dicembre di essere trattata come il Veneto, chiedendo lo stesso rapporto percentuale tra danni subiti e fondi erogati. I 90 milioni si sommeranno ai 10 ottenuti per le somme urgenze. «Per aiutare le famiglie, le imprese, i Comuni e le Province danneggiati useremo criteri molto oggettivi e equilibrati. Valutate le clausole dell'ordinanza della Protezione Civile per questi fondi - per i precedenti il rapporto di stanziamento fondi era di 70 per la pubblica amministrazione a 30 per i privati - cercheremo di dare risposte anche ai privati, le famiglie e le imprese». Poi Burlando ha messo le mani avanti sostenendo che «è evidente che con questi finanziamenti non riusciremo a fare tutto, dato che coprono un terzo dei danni accertati. Auspico però che, come abbiamo lottato tutti insieme per ottenerli, decidiamo insieme come spenderli senza inutili polemiche» ha concluso. Di altro parere i consiglieri regionali del Pdl che si dicono speranzosi che la Regione ringrazi il governo senza se e senza ma. «Con questo provvedimento – dice il consigliere Pdl Marco Scajola - il governo Berlusconi, benché sempre accusato dalla sinistra di essere non attento alle istanze provenienti dal territorio, ha dimostrato, elargendo una cifra così importante in un momento di grave crisi economica come quello che stiamo attraversando, vicinanza e sensibilità alla nostra regione». Soddisfatto anche l’onorevole Michele Scandroglio, con il consigliere regionale Matteo Rosso.
Intanto l’assessore all’Ambiente Renata Briano ha commentato la notizia del recente trasferimento alla Protezione Civile da parte del ministero del Tesoro dei 24 milioni di fondi per l'alluvione del dicembre 2009 che ha colpito la zona del fiume Magra.