Alluvioni in India La Farnesina: «Decine di italiani ancora da trovare»

Sono alcune decine - circa 40 per le autorità diplomatiche italiane e 53 invece secondo i calcoli della Protezione civile indiana - gli italiani di cui si stanno tenacemente cercando le tracce nel Ladakh, la regione del Kashmir indiano colpita venerdì da una grave calamità naturale che ha causato almeno 185 vittime, fra le quali lo studente piemontese Riccardo Pitton. Il corpo del ragazzo ancora non è stato trovato. Ieri la madre ha lanciato «un accorato appello alle autorità e in particolare al ministro Franco Frattini, affinchè facciano quanto in loro potere, e anche di più» per far continuare le ricerche dei resti del figlio. Un battello si è rovesciato nel Kosi, fiume dello Stato indiano di Bihar: 25 persone sono annegate e altre 25 disperse. L’imbarcazione è stata risucchiata da un vortice mentre era in navigazione.