Almaviva, servizi semplificati ai cittadini

Le iniziative con Eds Italia e i ministeri dell’Economia e delle Politiche agricole. I benefici previsti per le imprese e la gente comune

Il gruppo Almaviva, specializzato in fornitura di servizi informatici e di telecomunicazioni integrati ha stretto, nel giro di pochi giorni, tre importanti accordi con la pubblica amministrazione per favorire lo sviluppo di servizi interattivi per cittadini e imprese e al tempo stesso razionalizzare la spesa pubblica.
Il primo è stato firmato insieme alla società Eds Italia, con cui è stato realizzato il raggruppamento temporaneo d’impresa che si è aggiudicato la gara indetta dal Cnipa (Centro nazionale per l’informatica nella pubblica amministrazione) per l’affidamento di servizi di interoperabilità evoluta del Sistema pubblico di connettività e cooperazione (SPC). Il gruppo Almaviva ed Eds Italia stipuleranno quindi un contratto quadro con il Cnipa per un valore di 160 milioni di euro per una durata di cinque anni, rinnovabile per altri quattro. Il progetto del Sistema pubblico di connettività e cooperazione si inserisce nel processo di razionalizzazione dei servizi della pubblica amministrazione, che mette i cittadini, le imprese e le amministrazioni al centro di una rete di servizi interattivi più o meno innovativi (posta elettronica, posta elettronica certificata, servizi di identificazione, autenticazione e autorizzazione, servizi di videocomunicazione e di sicurezza applicativa).
Il secondo accordo riguarda il bando indetto da Consip (l’agenzia che si occupa degli acquisti della Pa) per i servizi di consulenza, sviluppo e conduzione dei sistemi dell’ex III° Dipartimento e del Dipartimento affari generali del ministero dell’Economia e delle finanze.
AlmavivA ha partecipato alla gara come mandataria di un raggruppamento temporaneo d’imprese presentando un’offerta che integra soluzioni informatiche in ambiente web con servizi di consulenza e di gestione del rapporto col cliente (customer relationship management). Il progetto a gara, il cui valore economico è di 15,2 milioni di euro, si svilupperà nell’arco di tre anni. Si tratta di un progetto articolato che vedrà la realizzazione di servizi a supporto del Dipartimento per le politiche di sviluppo del ministero delle Attività produttive e del Dipartimento affari generali del ministero dell’Economia e delle finanze. Infine Almaviva, sempre come mandataria di un gruppo di imprese, si è aggiudicata la gara per il sistema di gestione dei processi e dei servizi informatici del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e della Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), per complessivi 1,3 milioni di euro distribuiti su 9 anni, un importo che finora nessun settore della pubblica amministrazione aveva mai destinato al rinnovamento tecnologico. Un esempio del grado di innovazione che Almaviva può offrire in termini di assistenza al cliente sarà presentato nei prossimi giorni alla quarta Conferenza ministeriale di Lisbona sull’eGovernment (19-21 settembre 2007).
Verrà infatti presentato il progetto «Vicky-Assistente Virtuale Inps», finalista all’European eGovernment Award 2007 (www.epractice.eu), il premio a cui partecipano le pubbliche amministrazioni europee. Vicky è l’assistente che l’Inps mette a disposizione sul sito www.inps.it, una vera «signorina» virtuale che aiuta nella ricerca di informazioni sulla previdenza. In pratica, invece di navigare tra menù e termini incomprensibili, si clicca su Vicky che, con voce molto simile a quella umana, spiega in modo chiaro ed esauriente tutti i passaggi da seguire per le varie pratiche amministrative.