Alonso: «Il Gp di Corea? Un po' Bahrein, un po' Turchia, un po' Abu Dhabi»

Il ferrarista svela le caratteristiche della pista e la promuove. Domani notte (alle 3 ora italiana) le prime libere. Pole sabato alle 7 (Rai2), Gp domenica alle 8 (Rai1)

«La prima impressione è positiva». In attesa di scendere in pista con la sua F10, Fernando Alonso promuove il tracciato di Yeongam che domenica sarà sede del Gp della Corea del Sud. La pista verrà inaugurata con la terz'ultima gara della stagione. Lo spagnolo è in piena corsa per il titolo iridato: con 206 punti, è staccato di 14 lunghezze dal leader, l'australiano Mark Webber.
«Sono arrivato ieri sera a Seul e stamattina sono ripartito per raggiungere Yeongam, la sede della prima edizione del Gran Premio di Corea. Dopo pranzo ho fatto un salto in circuito perchè avevo voglia di vedere dal vivo com'è il tracciato. Devo dire che la prima impressione è positiva», scrive Alonso dal suo diario sul sito del Cavallino.
«Innanzitutto non ci sono grandi sorprese -osserva-: c'è una corrispondenza fra quello che avevamo visto al simulatore nelle scorse settimane e la realtà. Mi sembra un circuito molto interessante e divertente per la guida, soprattutto nell'ultimo settore». La pista, progettata dal tedesco Hermann Tilke, secondo Alonso «è un misto di vari tracciati». «Il primo settore ricorda molto il Bahrain: lunghi rettilinei con brusche frenate che portano a curve da 180°. Il secondo richiama la Turchia, in particolare la curva 11 che ti fa pensare alla 8 di Istanbul, mentre l'ultimo è simile al terzo di Abu Dhabi», spiega l'asturiano.
La pista potrebbe riservare insidie particolari, visto che il manto d'asfalto è stato appena steso. Le monoposto, quindi, potrebbero avere problemi di aderenza soprattutto nelle prime sessioni di prove libere, quando le traiettorie non saranno perfettamente gommate. «Quando si arriva su una pista nuova - aggiunge Alonso - c'è ancora più voglia di guidare quindi saranno molto lunghi i due giorni che ci separano dal primo giro, in programma venerdì mattina» (prima sessione alle 3 del mattino in Italia, seconda alle 7, pole sabato alle 7 Rai2, Gp domenica alle 8 Rai1). E conclude: «Penso che potremo assistere ad una gara spettacolare: ci sono almeno un paio di punti dove i sorpassi sembrano possibili, in particolare alla staccata della curva 3 dove si arriva al termine di un rettilineo lungo oltre un chilometro. Ci sarà molta azione lì al primo giro della gara, più di quella che vedremo dopo la partenza».