Alta cucina e grande storia nel Chianti

Domani riapertura al pubblico del Palazzo del Podestà di Radda in Chianti offre un importante occasione per visitare il Chianti. L'originaria costruzione quattrocentesca, rimaneggiata e ampliata nei secoli, non era mai stata aperta al pubblico. L'attuale struttura si deve ai lavori avvenuti intorno al 1770: l'aggiunta del secondo piano e la costruzione dell'ala delle prigioni, del cortile e della casa del carceriere risale a quell'epoca. Per più di quattro secoli il palazzo fu il luogo deputato all'amministrazione della giustizia per le comunità del Chianti.
I recenti lavori di restauro hanno riqualificato le antiche prigioni del Settecento, scavate nel tufo e usate fino alla metà del secolo scorso, e ricavato sale espositive negli ambienti del Palazzo. La visita culturale, gratuita dal venerdì alla domenica, 0577.738791, può essere arricchita da soste enogastronomiche di pari interesse. Nella vicina Castellina al Gallopapa, 0577.742939, gallopapa.com, le tipicità del Chianti creativamente interpretate si gustano in ambienti storici voltati. A Gaiole l'azienda agricola Capannelle, 0577.74511, capannelle.com, offre, a chi acquista le preziose bottiglie di Solare Magnum con etichetta in oro 18 kt. e in argento 925, un soggiorno per due persone per una o due notti con prima colazione; su appuntamento degustazioni di vino e olio, visite guidate alla cantina, dotata anche di bellissimo caveau di sicurezza, e passeggiate nel vigneto.
Ospitalità, buona tavola e ottimi vini sono i punti di forza di Badia a Coltibuono, coltibuono.com, antica abbazia dove si può dormire nelle antiche celle, passeggiare per il giardino all'italiana, cenare nell'omonimo ottimo ristorante con specialità toscane, visitare le storiche cantine e ovviamente, degustarne gli ottimi vini.