Alta precisione e titanio Pugnale&Nylev viaggia da D'Annunzio allo spazio

«La stanza è muta d'ogni luce. Scrivo nell'oscurità» leggiamo ne Il Notturno di Gabriele d'Annunzio (1921). Pugnale&Nyleve presenta gli occhiali Sufficit Animus, un classico tondo, combinazione di acciaio e acetato, preferito e indossato da d'Annunzio dopo l'infortunio aereo del 16 gennaio 1916 a Grado. Il fatto provocò la parziale cecità dell'artista che da quel momento scelse per sé l'appellativo di Orbo Veggente. «Nel 2015, come tanti altri brand, abbiamo presentato il prototipo alla Fondazione Vittoriale racconta Emanuele Pugnale, titolare del marchio -. Sufficit Animus è subito piaciuto perché sintesi di design, storia, avanguardia e ricerca della bellezza». O meglio, 111 esemplari numerati in edizione limitata (11 il numero principe del Vate) sintesi dell'eccellenza e dell'innovazione triveneta. È, infatti, nel Nord-Est italiano che Pugnale comincia il suo percorso imprenditoriale. Nel 2003 fonda Pumak Trading, azienda che nell'arco di pochi anni stipula contratti d'importazione e distribuzione con le migliori case costruttrici internazionali di macchinari utensili per la lavorazione ad alta precisione dell'acciaio. «In tempo di crisi sono rimaste in piedi proprio queste aziende, ponti tra le migliori tecnologie utensili e le realtà manifatturiere italiane del settore biomedicale, aerospace e aeronautico, e ciò ci ha permesso di crescere in modo esponenziale» spiega l'imprenditore. Fiore all'occhiello di Pumak Trading è Hermle, eccellenza tedesca nella costruzione di centri di controllo che modellano anche scocche e componentistiche di Ferrari Formula1, senza dimenticare la collaborazione con l'Ente Spaziale Europeo, che manderà su Marte un robottino creato con i macchinari di Pugnale. Dall'expertise tecnico-meccanico, insomma, all'occhiale, «unico oggetto meccanico che può essere inserito nel mondo del fashion. La maggior parte dei nostri modelli sono semplici spinte di forme curvilinee e rettilinee in acciaio e titanio, trasformati con calore ed eleganza». A Mido l'azienda presenta un occhiale con asta in titanio generata con la stessa tecnologia biomedicale che produce protesi per il corpo umano. MTiz