Altana recupera a Francoforte

La chiusura di New York per festività non ha impedito alle piazze europee di segnare nuovi modesti apprezzamenti, che riportano gli indici sui massimi degli ultimi tre anni. La sostenutezza dei prezzi del greggio e la debolezza dell’euro hanno spinto ancora i titoli energetici e delle aziende esportatrici. Tra i primi, a Londra, Bp sfiora un rialzo del 4%, e Shell del 2%, mentre ad Amsterdam Royal Dutch sale del 2%, e a Parigi il titolo Total guadagna l’1,4%. Si sta attenuando la bagarre sui titoli farmaceutici: a Francoforte il titolo Altana recupera l’1% rispetto alla perdita del 15% di venerdì scorso, alla notizia della rottura di collaborazione con Pfizer. In campo editoriale balzo nella City di Itv (più 5,9%) ai rumors di una possibile offerta di acquisto da parte di Time Warner. Il rialzo dei tassi Usa ha avuto ripercussioni nel Sud-est asiatico, dove ad Hong Kong il titolo Hsbc arretra dello 0,6% per effetto dell’aumento del prime rate dal 5,75 al 6,25%. A Manila crollo della Borsa del 4,2%, per la bocciature delle misure fiscali del governo.