Altre tre chiese attaccate nel Sud dell’India

Delhi. Continuano le violenze contro i cristiani dell’India. In Karnataka, nel sud del Paese, tre chiese sono state attaccate tra sabato e ieri mattina. La polizia ha disperso la folla di aggressori e ha puntato il dito contro il Bajrang Dal Hindu, movimento dell’ultradestra il cui leader, Mahendra Kumar, è stato arrestato per aver incitato alla violenza contro i cristiani. Sono almeno una ventina le chiese del Karnataka attaccate dopo gli scontri religiosi di agosto nell’Orissa, costati la vita a una ventina di persone. Lo scorso 19 settembre il ministero dell’Interno ha ammonito il partito Bjp, formazione nazionalista indù al governo in Karnataka, per una linea troppo morbida verso i responsabili dei pogrom contro i cristiani. L’All India Christian Council ha organizzato una manifestazione di protesta, denunciando che in India è in corso un attacco al secolarismo. La furia degli estremisti dilaga in altri Stati dell’Unione. Venerdì, in Madhya Pradesh, è stato appiccato il fuoco nella cattedrale di Jabalpur.