Gli altri Autunno caldo sul palco, da Joe Cocker a Paolo Conte

Chiamatelo reflusso, se volete. Di certo, a scorrere il cartellone dei concerti rock (e dintorni) della stagione autunnale all'ombra della Madonnina si respira un clima di «conservatorismo spinto». Ebbene sì, sono mostri sacri della musica popolare a farla da padroni. Per la gioia di un pubblico di tutte le età. Già, perché i cantautori e le rockstar che hanno cambiato la visione del mondo di milioni di adolescenti, americani ma anche europei, stanno spopolando anche tra i giovani di oggi. Prendete Joe Cocker, uno dei grandi miti di Woodstock, dal vivo al PalaSharp di Lampugnano il 14 novembre. Classe 1944, il leone di Sheffield (ma ormai da un quarto di secolo vive tra le montagne del Colorado), è cresciuto nel momento di grazia del rock'n'roll. Il mese scorso ha pubblicato «Hard knocks», il 21esimo album di studio in 45 anni di carriera, uno dei dischi più pop della sua carriera. Attenzione, però: la sua voce dalle venature soul e blues, inconfondibile, non è cambiata di una virgola. A contribuire all'effetto revival, ecco poi gli show dei Simply Red (il 20 novembre al Forum per l'ultima tappa della tournee d'addio prima dello scioglimento della band); del leggendario Joe Satriani, guru statunitense della chitarra hard rock (l'11 novembre all'Alcatraz); e di Alice Cooper, gran maestro dell'horror, colui che ancor prima di Kiss e Marylin Manson ha osato accostare l'heavy-metal al mondo del teatro (il 18 novembre sempre all'Alcatraz). Foltissima anche la truppa dei big «sempre verdi» italiani in concerto in città: a novembre Anna Oxa (l'8 agli Arcimboldi); il 74enne avvocato astigiano Paolo Conte sulla scia del nuovo lavoro «Nelson» (dal 9 al 13, Arcimboldi); quindi, Ennio Morricone, che il 19 al Forum di Assago passerà in rassegna le proprie colonne sonore dirigendo una megaorchestra con coro per un totale di 170 elementi; e i Pooh nella nuova formazione con Steve Ferrone al posto di Stefano D'Orazio (il 30 al Forum); e a dicembre, Premiata Forneria Marconi alle prese con il repertorio di Fabrizio De Andrè (2, Smeraldo); e Francesco Guccini (10, Forum). Facile, invece, prevedere quale sarà l'evento mondano-modaiolo della stagione live: il doppio concerto (4 e 5 dicembre, Forum) di Lady Gaga, la regina del pop contemporaneo, a detta di molti l'erede di Madonna.