Altri dieci milioni per fare un Genoa più competitivo

È stata un'assemblea più veloce del solito quella che ieri si è chiusa con l'approvazione del bilancio della società Genoa per il semestre luglio - dicembre 2008 con una perdita di 7 milioni e 800 mila euro. L’approssimarsi del derby sembra quasi aver paralizzato i piccoli azionisti rossoblù, mai così silenziosi come ieri. A parte quello che ha chiesto a Gianni Blondet perché i giocatori del Genoa quest'anno non tirano mai da fuori area. Risposta del vice - presidente: «Perché giocano talmente bene che vogliono entrare in porta col pallone». Poche domande di mercato (nessuna su Motta e Milito), hanno interrotto un silenzio quasi scaramantico. L'amministratore delegato Alessandro Zarbano ha tranquilizzato gli azionisti sui sette milioni di disavanzo: «Questo bilancio riguarda solo il semestre dal primo luglio al 31 dicembre 2008 e risente del forte investimento compiuto nel mercato estivo. Inoltre non è stata inserita la quota parte dei diritti televisivi (1,5 milioni di euro) e non sono compresi neppure i ricavi dovuti al piazzamento in classifica: altri 1,5 milioni di euro se la posizione finale resterà questa». Ma la rassicurazione maggiore per tifosi e azionisti è rappresentata dai 14 milioni di euro già stanziati da Enrico Preziosi per la stagione in corso: 10, 5 a titolo di finanziamento, 4 in conto capitale. Zarbano si è dichiarato ottimista sul fatto che l'anno prossimo a Marassi di fronte alla tribuna possano sorgere 19 nuovi botteghini che resteranno aperti il giorno della partita: «C'è stato un incontro proficuo con la Samp, ora aspettiamo il Comune».
E a proposito di tifosi, ieri lunghe code al Genoa Store, fin dalle quattro del mattino, per accaparrarsi gli ultimi tagliandi. Esaurite le scorte di distinti, settore 5 e tribuna inferiore, restano pochi biglietti di tribuna inferiore centrale e laterale. Intanto la società ha deciso di annullare l'amichevole che il Genoa avrebbe dovuto disputare oggi a Casale contro la squadra locale (serie D). Pioggia e grandine ieri hanno costretto la squadra a lavorare in palestra. Da oggi allenamenti a porte chiuse.