Altro che le 5: a Milano è sempre l’ora del tè

Simbolo principe dell’accoglienza, il tè è perfetto in questa stagione e a una ora che non è più confinata soltanto alle 17, sinonimo di creazioni chic, come accade per Kusmi tea, tè chic degli Zar e dell’aristocratica Russia passando per Parigi, arrivato a Milano celebrando i 140 anni della maison con 4 boîte di design dedicate alle capitali della sua lunga storia, San Pietroburgo, Londra, Berlino e Parigi. Da High Tech e distribuito da artedelricevere.com, lo si si beve da Revel in via Thaon de Revel.
Le Maharajah Blanc invece è un nuovo pregiato tè bianco con spezie custodito in uno scrigno di lacca nera intarsiata, che fa sognare di viaggi in terre lontane e cela tra le sue foglie la storia di sir James Brooke, l’avventuriero inglese nemico di Sandokan, nato dalla penna di Emilio Salgari e noto come il Rajàh bianco del Borneo. Da sorseggiare in tazze decorate in pregiata porcellana giapponese, come l’immancabile tè nero Mélange Fête de Noël, altra novità, avvolta nell’oro più prezioso nella boutique L’Arte di Offrire il Thè di via Macedonio Melloni 35, telefono 02.715442.
Tra le altre tendenze, le frolle con foglie di tè Lapsang e nocciola, e con foglie di tè Chai alle spezie con uvetta passa, fatti fare artigianalmente, o le candele profumate al tè. Anche i bambini possono essere educati all’ora del tè, andando con la loro mamma da Ottimo, nuovo locale in via San Marco, dove vengono serviti déjeuner sul l’herbe, thé mélange voyages verde con frutti rossi, chocolat - ile de madagascar, thé mélange voyages nero con fava di cacao e mandorla, ma il tè, da degustare come preziosa bevanda anche da Trussardi Café in piazza della Scala, alla Triennale e alla Triennale Bovisa, al The Chedi Milan, hotel lusso zona Bovisa, con spa che serve tè sfusi e servizio all’orientale.
Ed è sinonimo anche di benessere il Toi Meme a Monza, toimeme.it, dove, con i trattamenti, vengono offerti the e tisane. In un piccolo tempio delle degustazioni, al Pixel di corso Como, 02.6599649, tutti i giovedì è tempo di tea time, ma dalle ore 22 con tè e chupiti di rhum da versare nella teiera o nella tazza. Dalle 21,30 sino alla chiusura, vengono esposte sul banco bar tante teiere con bustine colorate da scegliere secondo i propri gusti, in pieno stile Alice nel Paese delle Meraviglie, accompagnato da pasticceria mignon e piccole frolle. Al Pixel poi, il tè si sorseggia anche utilizzando il proprio notebook o telefonino direttamente al tavolo, perché il locale offre gratis la connessione WiFi.
Se il tè è una passione alla quale non si può rinunciare, L’Arte di Offire il Thé fa consegna a domicilio di pregiati cru. Il cliente telefona, ordina magari il nero Yunnan o speciali tè da uomo, da servire dopo cena e degustare come uno champagne. Per sapere proprio tutto, infine, c’è il libro I Segreti del Tè di Francesca Natali, Iki editore, vera e propria guru del settore, all’interno del quale un capitolo è dedicato proprio all’arte di offrire il tè, preziosi consigli per chi ricevere a casa, o per professionisti.