Altro che libertà di stampa: in piazza i querelanti

Oggi la manifestazione di Roma per la libertà di stampa, organizzata dalla Fnsi. Si protesta contro il premier che fa causa ai giornali. Ma da Di Pietro
alla Cgil, da Diliberto a D’Alema, sono i professionisti della querela.
E dell’incoerenza. <strong><a href="/interni/saviano_scrive_inglesi_e_si_becca_dellidiota/03-10-2009/articolo-id=387696-page=0">Saviano scrive agli inglesi e si becca dell'idiota </a></strong>

Gian Maria De Francesco - Antonio Signorini

Roma - Allergici al guinzaglio del governo e difensori del collare a strozzo democratico. Indignati dal ricorso alla cause civili contro i giornali amici, salvo intasare le aule di giustizia con richieste di risarcimento e azioni penali contro il nemico di classe. Le contraddizioni non hanno mai fatto paura alla sinistra italiana e oggi la tradizione verrà rinverdita con la manifestazione - in diretta su Sky e sul Tg4 - dei querelanti contro le querele.

Come ha salmodiato Marco Travaglio giovedì ad Annozero, «negli Usa un giornalista deve controllare una cosa sola, che la notizia sia vera. In Italia ci sono denunce civili e penali ed esposti all’Ordine...». Eppure ha trascurato che su 6.745 cause penali e civili intentate alla stampa dal 1994 a oggi, le richieste di esponenti del centrosinistra ammontano a 312 milioni su un totale di 486 milioni di euro.
Sì, proprio da quel fiume composito, con facce vecchie e nuove, che oggi sarà in piazza con Travaglio, avranno origine i mille rivoli della galassia giustizialista. Tutti habitué della querela. A partire dalla Cgil, con i suoi sempre numerosissimi pensionati, che potrebbe dare qualche buon consiglio agli avvocati del premier su come farle (e anche vincerle). L’epoca d’oro è stata quella di Sergio Cofferati promotore di diverse azioni penali e civili contro il Giornale e Libero. Poi anche contro ministri della Repubblica, Roberto Maroni, allora responsabile del Lavoro, e Gianni Alemanno.

Ma, soprattutto, ci saranno loro i protagonisti della politique politicienne di centrosinistra. Sempre pronti ad innalzare i loro vessilli quando si tratta di andar contro Berlusconi, ma che non esitano a dar contro le «iene dattilografe» quando scrivono o dicono qualcosa che non garba.

È il caso di Antonio Di Pietro, uno dei primi ad appoggiare la manifestazione. Un vero recordman della querela con oltre 300 cause (357 secondo Repubblica) contro la stampa e ben 700mila euro incassati. Con buona pace del diritto di critica. Non ci sarà, ma ha formalmente aderito, l’ex premier Massimo D’Alema. Tutti lo ricordano per la maxi-richiesta di risarcimento da 3 miliardi di vecchie lire ai danni del povero Forattini per una vignetta su Repubblica sulla lista Mitrokhin, ma ne ritirò anche un’altra da 2 miliardi al Corriere che aveva osato criticarlo sulla sua strategia sindacale. La richiesta di risarcimento da 500mila euro alla Stampa per un articolo che lo citava in riferimento a un dossier dell’agenzia investigativa Kroll. E nel 2002 querelò Repubblica per un’intervista a Maurizio Gasparri che lo tacciò di «spregiudicatezza» per la sua passione nautica. Non è solo il Giornale a essere nel centro del mirino, ma anche la cosiddetta stampa democratica.

Ne sa qualcosa il professor Giovanni Sartori, editorialista del Corriere, che si beccò una querela da Rosy Bindi quand’era ministro della Salute. Incarico istituzionale dal quale non esitò a far causa a destra e a manca ai tempi del dibattito sulla «cura Di Bella». E che dire della sinistra più o meno radicale? In piazza ci sarà anche Nichi Vendola. Lui non ha mai avuto la querela facile, ma alcuni suoi ex-assessori sì, ogniqualvolta quotidiani locali e nazionali denunciavano alcune irregolarità amministrative. E in piazza dovrebbe esserci pure Oliviero Diliberto, il segretario del Pdci, che querelò Libero per la pubblicazione di un verbale del comitato centrale nel 2006 al grido di: «Ci hanno già finanziato la campagna per le politiche con 100mila euro». E proseguì chiedendo un milione al portavoce della comunità ebraica di Milano per un’intervista a Repubblica in cui stigmatizzava le sue posizioni anti-israeliane.
Non sorprenda, in questo mare magnum della sinistra, come la piazza possa mettere assieme tutto e il suo contrario. Il vignettista Vauro con i suoi colleghi del Manifesto si ritroveranno assieme ai cigiellini, immemori di quando nel 1997 l’allora direttore Parlato censurò un disegno anti-Cofferati. Così come Milena Gabanelli, fresca di tutela legale per Report, potrebbe incrociare il candidato segretario Pd del Lazio, Roberto Morassut, che querelò la trasmissione per una puntata di fuoco sul piano regolatore della giunta Veltroni del quale era assessore.

La mobilitazione è tale che ci si potrebbe dimenticare che a promuovere l’iniziativa è stata la Federazione della stampa. Il sindacato unico dei giornalisti, unito a Cgil, Cisl e Uil da un patto vecchio di quasi mezzo secolo, oggi si troverà in un corteo dove il grosso ce lo metterà solo una confederazione. Cisl, Uil e Ugl non partecipano e considerano la manifestazione viziata da motivazioni politiche. E che sia un’agitazione contro il governo lo ha ammesso anche L’Altro, il quotidiano della sinistra diretto da Piero Sansonetti che ieri ha pubblicato lo sfogo di una lettrice, Daniela Greco, nel quale si denunciava il «dissenso a comando». Quello di chi dice che «c’è un nemico dell’informazione e la società civile deve scendere in piazza». Argomenti che costringono Sansonetti a prendere atto che quella di oggi è una manifestazione contro il governo, «contro Berlusconi». Il resto è secondario.

Ma il rito manifestarolo è rispettato in tutto. Anche nel mescolare proteste diverse in un unico minestrone, organico alla battaglia del momento. Il peggio questa volta è toccato ai precari della scuola. Dovevano fare la loro manifestazione proprio oggi, ma la Cgil, secondo tradizione, ha fatto confluire il suo corteo dentro quello dell’informazione. I precari della Campania, quelli che sono saliti per primi sui tetti delle scuole, si sono dissociati e faranno un corteo tutto loro.