«Altro che razzisti Abbiamo a che fare con degli ignoranti»

«Queste persone non meritano nemmeno l’epiteto di razziste: sono ancora più ignoranti». Lo storico Franco Cardini, esperto di islam e di convivenza fra culture (al tema ha dedicato anche il suo ultimo romanzo, Il signore della paura, pubblicato da Mondadori) non legge come «razzisti» gli ultimi episodi: «Sono frutto di pura violenza nichilista, dietro non c’è neppure il razzismo che, comunque, si rifaceva a precise teorie, seppure sbagliate». Per Cardini è controproducente parlare con leggerezza di razzismo, la radice del male è altrove: «La situazione di oggi è il risultato di un incrocio diabolico: quello fra la caduta spaventosa della cultura media dei giovani (privi di valori e riferimenti in famiglia) e la paura diffusa della crisi». Così, certe «esplosioni» somigliano al razzismo, ma solo «esteriormente»: «Quello che preoccupa è piuttosto il mix fra ignoranza, violenza e paura che domina la cultura del branco».