«Ama, sulla Colombia ancora bugie»

«L’Ama ha mentito ancora. E ancora una volta i manager di Veltroni hanno tentato di occultare alla stampa e alla città le loro responsabilità in una vicenda che ha dell’incredibile». Il vicepresidente del consiglio regionale, Andrea Augello, torna sulle disavventure colombiane dell’Ama, che a Bogotà, tre anni fa, partecipò a una gara per raccolta rifiuti e pulizia delle strade, perdendola. Un’azienda colombiana che era socia della spa capitolina in associazione temporanea d’impresa l’ha citata per danni, e a fine dicembre Ama si era detta «fiduciosa» in attesa della decisione del collegio arbitrale. Ma quella decisione era già arrivata, e Ama lo sapeva. Ieri in conferenza stampa Augello ha mostrato la sentenza che, già l’8 settembre scorso, aveva condannato l’ex municipalizzata a risarcire 350mila euro al socio locale. La società del Campidoglio però insiste: «In Colombia abbiamo agito con trasparenza e linearità».