Amauri si rompe, campionato finito?

da Palermo

Tegola sul Palermo, che punta alla conquista di un posto in Champions League. La stagione del bomber brasiliano Amauri è stata compromessa dallo scontro con il portiere del Siena Manninger nell’ultima partita del 2006. Almeno quattro i mesi di stop: questa la prima prognosi dopo la risonanza magnetica, effettuata ieri a Brescia, che ha evidenziato un trauma distorsivo al ginocchio destro con rottura parziale del legamento crociato posteriore e uno stiramento del collaterale mediale. Il brasiliano, dicono fonti del Palermo calcio, è a riposo e alla ripresa degli allenamenti, il 2 gennaio, sarà «rivalutato da uno specialista ortopedico per stabilire il tipo di trattamento da eseguire».
Il campionato di Amauri potrebbe essere addirittura finito, anche se esiste la possibilità, nel caso in cui lo staff medico decidesse di non intervenire chirurgicamente, di poterlo rivedere in campo tra due mesi. Una soluzione rischiosa soprattutto in chiave futura e che andrà attentamente valutata dai sanitari e dai dirigenti del Palermo. La cosa certa è che Guidolin dovrà fare a meno di uno dei giocatori più importanti, ma anche di maggiore carisma e personalità, della sua squadra: nel 2006 il brasiliano ha infatti realizzato 19 reti (compresi quelli segnati con il Chievo), secondo solo a Toni, che ha chiuso a 24. E con i suoi otto gol in campionato, Amauri ha contribuito alla prima parte di stagione strepitosa dei rosanero (tredici i punti in più conquistati rispetto al torneo 2005/2006).
Amauri è comunque fiducioso: «Credo che l’infortunio sia meno grave del previsto. Mi dispiace tanto dover abbandonare la squadra in questo momento, ma sono certo che i miei compagni se la caveranno benissimo anche senza di me. Spero di poter tornare al più presto a dare il mio contributo a questo fantastico gruppo».