Le ambizioni di mister Tata

Il magnate indiano Ratan Tata sarebbe pronto ad assumere un peso maggiore all’interno di Fiat Group. Entrato nel consiglio di amministrazione del Lingotto, in occasione della recente assemblea degli azionisti, alcune voci danno Tata sempre più vicino alla realtà torinese. L’industriale, presidente della società automobilistica omonima e titolare di un impero che spazia in vari settori economici, è una personalità di spicco nel Paese asiatico con cariche come quella di numero uno della Commissione per gli investimenti del governo di Nuova Delhi e di membro del direttivo della Banca centrale indiana. Tata vedrebbe nella ripresa della Fiat un’importante opportunità per allargare il proprio business e, inoltre - come riferisce una fonte - «il fatto di essere in qualche modo vicino alla famiglia Agnelli aumenterebbe il prestigio dell’industriale nel suo Paese». Ancora Tata, infine, avrebbe manifestato l’interesse a distribuire in India il marchio Ferrari.