Ambulanza in «ostaggio» per una notte

Bloccata in pronto soccorso una notte perché a Tor Vergata mancano le barelle. Fuori-uso per nove ore, dalla mezzanotte di ieri alle nove del mattino, l’ambulanza del Casilino, una delle poche in tutta Roma ad avere il medico a bordo. Ieri l’equipaggio del mezzo della Croce Rossa convenzionato col 118 regionale è rimasto fermo nel parcheggio, ostaggio al Policlinico dove i sanitari non hanno nemmeno più le lettighe su cui trasferire i pazienti che arrivano in emergenza. Medico, autista e infermiere sono rimasti inchiodati in ospedale, a braccia conserte, in attesa di riavere indietro la propria barella lasciando scoperto dal servizio l’intero quadrante a sud-est della capitale. «Una volta accompagnati al Dea (dipartimento emergenza e accettazione) - spiegano gli operatori - i malati passano di consegna al personale (...)
SEGUE A PAGINA 50