America Incriminato per aver operato il cane

Non c’è pace per animali, ma anche per uomini. Un uomo è stato incriminato in Rhode Island per avere operato il proprio cane. Alan MacQuattie ha spiegato di avere rimosso con metodi artigianali una cisti da una zampa del suo labrador di 14 anni perché non poteva permettersi i servigi di un veterinario. L’intervento casalingo aveva procurato al cane una infezione ad una zampa che ha reso poi necessario l’intervento di un vero veterinario. Il padrone del cane è stato incriminato per crudeltà verso gli animali e per operazione veterinaria non autorizzata. L’accusato sostiene comunque di non avere agito in modo crudele. Ma un caso clamoroso è avvenuto anche in Italia. È infatti da ieri agli arresti domiciliari un uomo di Sorso (Sassari) accusato di aver ucciso con un colpo d’arma da fuoco un pitbull di otto anni il 18 dicembre scorso. Antonino Cuccaru, 63 anni, deve rispondere di uccisione di animali e detenzione abusiva di armi da fuoco comuni dopo la morte di Danko, il cane dei suoi vicini di casa. Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Sorso, che hanno eseguito il provvedimento restrittivo emanato dal tribunale di Sassari, Cuccaru ha agito per dissidi personali con i padroni dell’animale.