Da Amga-Aem è nata «Iride»

Si chiamerà Iride la nuova holding formata dalla fusione delle aziende multiutility Amga e Aem e sarà controllata per il 50% dal Comune di Genova e per l’altro 50% da quello di Torino. Le rispettive assemblee degli azionisti, svoltesi ieri a Genova e a Torino, hanno dato infatti via libera alla fusione. L’aggregazione creerà il nuovo polo delle utilities del Nord Ovest e sarà presente nella filiera energetica integrata e nel settore idrico, con importanti volumi di attività: 12 miliardi di kWh elettrici venduti a 556mila clienti; 29 milioni di metri cubi teleriscaldati; un miliardo di metri cubi di gas venduti a 600mila clienti; 200 milioni di metri cubi di acqua distribuita a 2 milioni di abitanti.